Ue, Immuni e le altre app per tracciare i contagi ora connesse

Parte oggi il cosiddetto “Gateway“, lanciato dalla Commissione europea, che al momento connette le app di tracciamento progettate in Italia (Immuni), Germania (Corona-Warn-App) e Irlanda (Covid Tracker)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Al via il sistema che garantisce l’interoperabilità tra alcune app europee di tracciamento dei contagi da coronavirus. Parte oggi il cosiddetto “Gateway“, lanciato dalla Commissione europea, che al momento connette le app di tracciamento progettate in Italia (Immuni), Germania (Corona-Warn-App) e Irlanda (Covid Tracker). I download delle app di questi tre Stati costituiscono i due terzi dei download in tutta Europa, ha comunicato l’esecutivo europeo in una nota ufficiale. Attraverso questo sistema, ai cittadini basterà scaricare una sola di queste applicazioni anche se viaggiano negli altri Stati coinvolti dal progetto. “Il servizio consente l’interoperabilità di un totale di 20 app basate su sistemi decentralizzati, che possono essere collegate al ‘Gateway’ dopo aver seguito un protocollo che prevede diverse prove e controlli e il rilascio di un aggiornamento per ciascuna app”, si legge nella nota. La prossima settimana dovrebbero entrare all’interno del sistema anche le applicazioni progettate dalla Repubblica Ceca, dalla Danimarca, dalla Lettonia e dalla Spagna. “Molti Stati membri hanno lanciato app volontarie di tracciamento dei contatti e allerta e la Commissione li ha aiutati a fare in modo che queste app interagiscano tra loro in sicurezza” ha dichiarato Thierry Breton, commissario europeo per il Mercato interno. “La libera circolazione e’ parte integrante del mercato unico: il ‘Gateway’ la facilita, aiutandoci inoltre a salvare vite”. 

di Alesssio Pisanò

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»