FOTO | Sull’Appennino reggiano risorge antica necropoli, che verrà ‘riprodotta’ ad hoc

Alle pendici della Pietra di Bismantova verrà riprodotta un'antica necropoli: le tombe saranno riprodotte da artigiani e scultori che hanno studiato i reperti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO EMILIA – È l’area archeologica più importante dell’Appennino reggiano e una delle principali della provincia di Reggio Emilia. Ma fino ad oggi, chi si recava a Campo Pianelli, alle pendici della Pietra di Bismantova, aveva pochissimi elementi per rendersene conto. Ora in questo luogo sta per nascere un innovativo parco archeologico, voluto dal Comune di Castelnovo Monti su progetto dell’archeologo Iames Tirabassi e dei Civici Musei di Reggio Emilia: la riproduzione di un’antica necropoli. I reperti più interessanti emersi dagli scavi nell’area che si sono susseguiti negli anni, riguardano infatti i corredi di una necropoli a incinerazione dell’età del bronzo finale (tra l’undicesimo e il decimo secolo avanti Cristo), e sono conservati nei musei del Comune capoluogo. Ora le tombe saranno ricostruite e al loro interno saranno posizionati i corredi stessi: non ovviamente i pezzi originali, che restano ai musei reggiani, ma delle riproduzioni fedeli, curate da artigiani dell’appennino e studenti.

Altra particolarità del progetto è alcuni specifici elementi funebri, in particolare le “cassette litiche” in cui venivano ricomposte le ossa, saranno realizzate con gli strumenti di pietra e bronzo disponibili a quel tempo, riprodotti appositamente sulla base dei dati degli archeologi dallo scultore Dario Tazzioli.

“Per realizzare il parco archeologico abbiamo individuato un’area relativamente pianeggiante posta all’esterno di Campo Pianelli, dato che tutta la superficie di tale ‘terrazzo’ è interessata da antropizzazioni di età preistorica e protostorica e pertanto su di esso non si può intervenire”, spiega l’archeologo Tirabassi. Si tratta “comunque di un appezzamento molto vicino, dove è già stata realizzata un’apposita recinzione e verranno create le repliche di una decina di tombe, la riproduzione dell’area dei roghi dove i defunti venivano bruciati, e una serie di pannelli illustrativi didattici”.

Le “tombe che abbiamo deciso di ricostruire- precisa in conclusione Tirabassi- sono state scelte tenendo conto di vari parametri (in totale, nelle varie campagne di scavi, a Campo Pianelli sono state rinvenute circa 50 sepolture, ndr) a partire dalla tipologia degli ossuari, in modo che la maggior parte di essi sia rappresentata per forma e decorazione e per la ricchezza dei corredi, sia maschili che femminili. Credo sia una scelta molto importante quella intrapresa dal Comune, per mettere a valore un luogo che per importanza archeologica è un unicum in Appennino e uno dei più importanti su tutto il territorio emiliano”.

L’assessore al Turismo del Comune di Castelnovo Chiara Borghi aggiunge: “Avevamo questa eccellenza storica e archeologica nel luogo più turistico dell’appennino, la Pietra di Bismantova, ma mentre gli aspetti ambientali, religiosi, e la fruizione sportiva della rupe sono ben noti e valorizzati, volevamo che emergesse in modo chiaro anche la storia della sua frequentazione umana, che rappresenta la nostra identità”. Una sfida piuttosto impegnativa è invece quella che sta affrontando lo scultore Dario Tazzioli, per la realizzazione delle cassette litiche utilizzando esclusivamente strumenti disponibili nell’età del bronzo.

Tazzioli, conosciuto a livello internazionale per la sua scelta di realizzare sculture che si rifanno alla tradizione rinascimentale utilizzando gli strumenti di quel periodo, conferma: “Sicuramente utilizzare strumenti che non sono di ferro come utilizzavano i romani, nel medioevo e nel Rinascimento, ma solo strumenti litici e in bronzo, è completamente diverso”. Qui “ho realizzato gli strumenti basandomi sulle ricostruzioni degli archeologi, ad esempio un mazzuolo con manico in legno e testa di selce molto dura, fissata al manico con cordame di pelle, e un altro di diorite, senza manico”. Sempre tramite gli archeologi, spiega l’artista, “cerco di ricostruire anche le modalità di lavoro per realizzare le lastre di pietra sbozzata necessarie per assemblare le sepolture. Per l’estrazione delle pietre da lavorare, qui vicino all’area di Campo Pianelli, utilizzo delle semplici leve lignee. Ci vuole un impegno consistente, anche a livello fisico, ma questo modo di lavorare mi permette di affrontare le stesse difficoltà e capire come operavano questi nostri avi”, conclude Tazzioli. I lavori nell’area, inizieranno già nelle prossime settimane.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»