Diritti, la Commissione Ue: “Preoccupati per la situazione in Ungheria e Polonia”

Sia Varsavia che Budapest hanno risposto accusando la Commissione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BRUXELLES – L’indipendenza del sistema giudiziario in Ungheria e Polonia desta “serie preoccupazioni” alla Commissione europea. E’ quanto si legge in un rapporto sullo stato di diritto presentato oggi durante una conferenza stampa a Bruxelles.

In alcuni Stati, segnala l’esecutivo europeo, la pressione del governo sugli altri poteri sta diventando sempre piu’ forte, andando a minare l’indipendenza in particolar modo del potere giudiziario.

Sia Varsavia che Budapest hanno risposto accusando la Commissione. Il governo polacco, tramite la ministra Judit Varga, ha parlato di “doppio standard europeo”, mentre ieri il premier ungherese Viktor Orban aveva chiesto le dimissioni della commissaria europea per i Valori e la trasparenza Vera Jourova, dopo che quest’ultima aveva paragonato l’Ungheria a una “democrazia malata”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»