“Un calcio per la pace”, il Titano ospita squadra mista palestinese-israeliana

SAN MARINO - Anche la Repubblica di San Marino dà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – Anche la Repubblica di San Marino dà “Un Calcio per la Pace”. Questo il nome di un progetto interamente sponsorizzato dalla Fsgc, Federazione Sammarinese Giuoco Calcio, in collaborazione con Universal Peace Federation San Marino, che vede protagonisti 16 giovani calciatori, 8 israeliani e 8 israelo-palestinesi, ospiti da oggi fino al 6 settembre sul Titano, insieme agli allenatori e a un parlamentare arabo-israeliano. Proprio per sottolineare il sostegno di tutta la Repubblica all’iniziativa votata alla pace, già nella mattinata di domani gli ospiti saranno ricevuti dalla Reggenza.

Come spiega la nota, obiettivo di “Un Calcio per la pace” è quello di portare squadre miste- Israelo-Palestinesi, giovanili, a cominciare dalle under-12, a giocare partite amichevoli di calcio con controparti sammarinesi e avere l’opportunità di allenarsi insieme e permettere così ai ragazzi d’incontrarsi e costruire coesione di squadra e amicizia. Si auspica quindi che attraverso lo sport possa iniziare “un vero e proprio processo di riconciliazione”. Infine, “questo progetto s’inserisce nell’ambito delle iniziative per la Pace in Medio Oriente– conclude la nota- e avrà ampio risalto nell’ambito della Commissione Economica e Sociale delle Nazioni Unite”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»