Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti Roma, ordinanza Raggi su discarica di Albano: avvocatura della Città Metropolitana boccia l’ipotesi

raggi_rifiuti
Nel caso di specie non avrebbe i poteri per agire come vorrebbe
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La strada di un’ordinanza contingibile e urgente da parte di Virginia Raggi, nella sua veste di sindaca della Città Metropolitana di Roma, per riaprire la discarica di Albano e inviare lì i rifiuti trattati della Capitale “non è percorribile“. La “perplessità” che sa tanto di bocciatura all’atto annunciato dalla sindaca di Roma è contenuta in un parere dell’avvocatura della Città Metropolitana. Secondo quanto è in grado di ricostruire l’agenzia Dire, per i legali della ex Provincia la legge non assegna alla Raggi le competenze per redigere un’ordinanza con poteri commissariali. Insomma, la sindaca della Città Metropolitana di Roma nel caso di specie non ha i poteri (riconosciuti invece al presidente della Regione o al sindaco del Comune che ospita la discarica, in questo caso Albano) per agire come Raggi vorrebbe, sia in base a quanto previsto dal Testo Unico dell’Ambiente sia, più recentemente, in base a quanto emerso nella sentenza del Consiglio di Stato sull’ex Ilva. E oltre a ciò anche per un banale conflitto di interesse visto che, a differenza dei presidenti delle province, la sindaca della Città Metropolitana di Roma coincide in maniera praticamente automatica con la prima cittadina della Capitale.

LEGGI ANCHE: Rifiuti, Tar Lazio accoglie ricorso di Roma Capitale. Ma sul commissariamento la Regione non molla

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»