Roma. Stupro al Prenestino, preso il secondo uomo

Una ragazza era stata sequestrata e violentata in via Teano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

carabinieriROMA  – Dopo serrate e incessanti ricerche, i Carabinieri della Stazione di Roma Appia, coadiuvati dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina, hanno catturato il secondo uomo romeno, di 26 anni, ritenuto coinvolto nel sequestro di persona, violenza sessuale e rapina ai danni di una ragazza albanese di 26 anni, in via Teano a Roma.

L’uomo è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto che dovrà essere convalidato dal Gip del Tribunale di Roma. Subito dopo la denuncia della ragazza, a seguito di un’irruzione in una baracca nascosta nella vegetazione nei pressi di via Teano, gli stessi Carabinieri avevano già fermato un uomo di 33 anni coinvolto nella vicenda.

Dal racconto della ragazza emergeva un ruolo da protagonista nei violenti fatti da parte di un secondo uomo che nel frattempo si era dileguato. Sin da subito, i Carabinieri della Stazione di Roma Appia, coadiuvati dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina sono riusciti a dargli un volto ed un nome. Mediante anche l’utilizzo di attività tecniche e di un elicottero, dopo aver battuto l’intera area del campo nomadi di via Candoni dove aveva trovato rifugio, i Carabinieri lo hanno fermato all’interno di una baracca. Nella sua disponibilità è stato trovato anche un indumento, indicato dalla vittima in denuncia come indossato durante la violenza, che è stato repertato e sequestrato. Il fermato è stato associato presso la Casa Circondariale di Roma “Regina Coeli”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»