Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cicciolina fa causa a Sotheby’s per 21 milioni di dollari

Battute all'asta opere 'Made in Heaven' che la ritraggono, "senza pagarmi diritti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ilona Staller fa causa a Sotheby’s New York per aver battuto all’asta alcune foto della serie ‘Made in Heaven’ dell’artista Jeff Koons. L’attrice ha dato mandato al suo celebre avvocato, Luca Di Carlo, di formulare la richiesta di risarcimento totale di 21 milioni di dollari, di cui 19 milioni di dollari di risarcimento danni più 2 milioni di dollari per attività legale.

LEGGI ANCHE Vitalizi, Cicciolina su tutte le furie: “Mario Giordano ricco privilegiato, quanto guadagna?”

“E’ ingiusto che Sotheby’s abbia messo in circolazione quelle fotografie- ha dichiarato l’ex deputata sentita dall’agenzia Dire- utilizzando la mia immagine, senza il mio permesso e senza pagarmi i diritti d’autore. Anche Koons non ha il permesso di utilizzare la mia immagine e non ha mai pagato”.

La serie ‘Made in Heaven’

La serie ‘Made in Heaven’ fu esposta per la prima volta alla Biennale di Venezia del 1990, un’opera che ha assottigliato il limite fra arte e porno, rappresentando un racconto moderno di Adamo ed Eva. Si tratta infatti di una serie di fotografie, statue e dipinti che ritraggono l’artista con quella che sarebbe stata la sua futura sposa, Cicciolina. Con questa particolare serie Jeff Koons è diventato l’artista vivente più costoso del mondo.

LEGGI ANCHE Taglio ai vitalizi, Cicciolina in rosso mette all’asta biancheria hot. E su Rocco Siffredi perde le staffe

E ora Ilona Staller si è affidata nuovamente al legale più pagato, Luca Di Carlo, noto con lo pseudonimo ‘L’avvocato del diavolo’, che le fece vincere il processo nato dalla denuncia di Koons per rapimento internazionale di loro figlio, con una richiesta di risarcimento di otto milioni di dollari. L’ex deputata alla fine fu assolta da ogni accusa. Adesso punta a un’altra vittoria in tribunale. “Perché io non ho mai visto una cosa del genere- ha concluso la Staller all’agenzia Dire- un’artista vivente esposta nelle gallerie di mezzo mondo che non prende una lira. Ma stiamo scherzando?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»