Usa, al via processo per morte George Floyd. Biden: “Seguo da vicino”

Accusato di omicidio il poliziotto Derek Chauvin, che lo scorso 25 maggio immobilizzò per nove minuti George Floyd, causandone il soffocamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Cosa vogliamo? Giustizia per George Floyd” è uno dei tanti slogan che gli attivisti hanno intonato davanti al tribunale di Minneapolis, in Minnesota, dove si è aperto ieri mattina il processo contro Derek Chauvin, il poliziotto accusato della morte dell’afroamericano di 46 anni.

“Anche se alla sbarra c’è Chauvin, a processo c’è l’America” ha detto l’attivista Al Sharpton, che insieme alla famiglia della vittima, all’avvocato Ben Crump e a tanti altri manifestanti hanno dovuto attendere fuori dell’edificio, mentre all’interno si apriva il procedimento a porte chiuse. La folla ha gridato anche “Minneapolis non dimenticherà”, “Il processo non è a Floyd, ma a Derek” e anche “Chauvin riesci a respirare?”, in riferimento alla morte per asfissia della vittima certificata dai medici.

Il 25 maggio dello scorso anno, dopo che un negoziante chiamò la polizia denunciando un furto, George Floyd fu arrestato e costretto a sdraiarsi a terra. Un filmato realizzato da un passante mostra l’agente Derek Chauvin che immobilizza l’uomo a terra premendo il ginocchio sul collo, una posizione mantenuta per nove minuti, nonostante si senta Floyd chiedere aiuto ripetutamente: “Non riesco a respirare”. Il decesso, sopraggiunto poco dopo, ha suscitato un’ondata di indignazione nel Paese, con marce e iniziative guidate dal movimento spontaneo Black lives matter – ‘La vita dei neri conta’ – per contestare le frequenti violenze da parte della polizia negli Stati Uniti, che colpirebbero in particolare la comunità afroamericana.

Il presidente Joe Biden, che all’epoca dei fatti era candidato alla Casa Bianca, ha promesso in questi giorni che “seguirà con attenzione” il processo per la morte di Floyd. Stando ai media locali, l’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha riferito che il presidente “ha parlato della morte di George Floyd come di un evento che ha aperto una ferita” nel Paese ed è stato in grado di “portare alla luce le ingiustizie e le disparità razziali che molti sono costretti a vivere ogni singolo giorno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»