Consulta ‘boccia’ obiezioni Governo a legge antimoschee

MILANO - "Lette le motivazioni della Corte Costituzionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Iran_moschea

MILANO – “Lette le motivazioni della Corte Costituzionale sulla cosiddetta legge regionale antimoschee il risultato sorprendente è che Maroni batte Renzi per 6 a 2″. È un Roberto Maroni visibilmente soddisfatto quello che a margine della conferenza stampa del dopo giunta incontra i cronisti. Il governatore lombardo rendiconta un risultato “tennistico” maturato dal fatto che dopo un anno sei delle richieste di incostituzionalità di Palazzo Chigi sono state bocciate per “manifesta inammissibilità“, mentre soltanto due sono state accolte, marginali” secondo Maroni.

Si tratta della questione relativa “alla Consulta che pare non si possa fare”, dice Maroni, e l’obbligo della videosorveglianza a carico di chi realizza i luoghi di culto: “La Consulta la faremo ugualmente, senza renderla obbligatoria- manda a dire Maroni- e la videosorveglianza la faremo perché è utile, sia per i cittadini che per chi frequenta i luoghi di culto, come si vede dalle cronache quotidiane degli attentati”, conclude il governatore.

di Nicola Mente, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»