A Genova piano da 24 mln per riqualificare le periferie

I principali interventi riguardano il chiostro della Certosa a Rivarolo, il palazzo della Fortezza e i magazzini del sale a Sampierdarena
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Genova_panorama

GENOVA – Il Comune di Genova chiede al Governo 18 milioni di euro per la riqualificazione urbana dei quartieri di Sampierdarena, Campasso e Certosa attraverso 11 progetti approvati oggi dalla giunta per partecipare al bando statale per i finanziamenti relativi al “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle Città metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia”. Palazzo Tursi, che ha richiesto il massimo dei finanziamenti a disposizione, è pronto a intervenire con ulteriori 6 milioni di euro di risorse economiche proprie. Entro il 30 novembre, il Governo dovrebbe pubblicare le graduatorie e giungere alla sigla delle convenzioni con le amministrazioni destinatarie dei finanziamentI entro il 30 dicembre.

“Abbiamo risposto per tempo a un bando della presidenza del Consiglio dei ministri- spiega il sindaco di Genova, Marco Doria– e ci sarà poi un’analoga iniziativa per quanto riguarda la Città metropolitana. Abbiamo evitato interventi a pioggia, avendo una progettazione molto seria e valorizza tanti spazi urbani che riqualificano il territorio e tornano a dare valore a elementi del nostro patrimonio artistico come il chiostro della Certosa a Rivarolo, il palazzo della Fortezza e i magazzini del sale a Sampierdarena“.

Anche se non esclusivamente, gli interventi si concentreranno soprattutto sulla riqualificazione di immobili di proprietà pubblica in parte attualmente anche inutilizzati. Oltre ai progetti citati dal primo cittadino, sono previsti la demolizione dell’ex biblioteca Gallino e relativa sistemazione dell’area a piazza pubblica, la trasformazione dell’ex mercato ovo-avicolo del Campasso, la riqualificazione del mercato e di piazza Tre ponti e quella del Centro civico Buranello e delle arcate ferroviarie, l’ampliamento dell’infrastruttura in fibra ottica in Valpolcevera e il disegno di fattibilità per la moderazione del traffico dell’isola ambientale a Sampierdarena. Gli interventi si inseriscono in un quadro più complessivo di riqualificazione di un’area già interessata dai progetti di riqualificazione dei Por (Programma operativo regionale) 2007-2013.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»