Indennizzi ai pescatori di Sant’Antioco bloccati, l’ira di Rubiu

CAGLIARI- "È inconcepibile non aver riconosciuto ai pescatori di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pesca_corde_pescherecci

CAGLIARI- “È inconcepibile non aver riconosciuto ai pescatori di Sant’Antioco, che traggono dall’attività ittica il loro unico sostegno economico, il giusto indennizzo per i danni subiti dall’interdizione derivante dalle esercitazioni militari“. È la denuncia del capogruppo dell’Udc Gianluigi Rubiu, che ha presentato un’interpellanza urgente per sollecitare lo sblocco dei risarcimenti ai pescatori che non possono pescare nella acque interessate dalle esercitazioni del poligono di Capo Teulada. Una situazione critica, che negli scorsi giorni è sfociata nella protesta di circa duecento pescatori della marineria di Sant’Antioco, secondo i quali i rimborsi sarebbero bloccati a causa del mancato funzionamento del sistema informatico adottato recentemente dal ministero: “È necessario che in tempi brevi venga riconosciuto il rimborso ai pescatori- conclude Rubiu-. La Regione deve sollecitare il ministero per lo sblocco della piattaforma digitale“.

Di Andrea Piana, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»