Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nove regioni passano in zona gialla, anche la Lombardia. Fontana: “Lo meritiamo”

coronavirus-fontana-imago-scaled
A passare dall'arancione al giallo, oltre alla Lombardia, anche Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Piemonte e Veneto.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Mi ha appena chiamato il ministro della Salute, Roberto Speranza. La Lombardia passa in zona gialla”. Lo annuncia il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

“È stata una settimana certamente difficile – conclude il governatore – abbiamo lottato perché, come attestano i dati, i lombardi meritano questa riduzione delle restrizioni. A tutti chiedo di continuare comunque a mantenere sempre alta l’attenzione continuando ad adottare comportamenti virtuosi”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, differenze tra la zona arancione e rossa

QUATTRO REGIONI E BOLZANO IN ARANCIONE, TUTTE LE ALTRE GIALLE

“Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà in giornata nuove ordinanze che andranno in vigore a partire da domenica 31 gennaio. Sono in area arancione le Regioni Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano. Tutte le altre Regioni e Province Autonome sono in area gialla“. È quanto si apprende da fonti del Ministero della Salute.

Stando a quanto raccolto, quindi, Sicilia e Provincia di Bolzano passerebbero dal rosso all’arancione. A passare dall’arancione al giallo, oltre alla Lombardia, anche Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Piemonte e Veneto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»