Pd, Emiliano: “Subito al Congresso o si va alle carte bollate”

"La scissione parte da chi non rispetta le norme dello Statuto e in questo momento è il segretario che non le rispetta e non sta aprendo il Congresso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La scissione parte da chi non rispetta le norme dello Statuto e in questo momento è il segretario che non le rispetta e non sta aprendo il Congresso”.

Michele Emiliano, presidente della regione Puglia, intervistato da Lucia Annunziata a ‘In mezz’ora’ attacca il segretario del suo partito: “Renzi sbaglia quando dice: ‘poco importa se io perdo le elezioni, intanto salvo i miei’. Fanno come con Roma, dove mollare l’osso è stato gravissimo“.

E, conclude Emiliano, “siccome questa posizione è insostenibile, lui non può far del partito quello che gli pare, se Renzi non convoca il Congresso si può perfino arrivare alle carte bollate, quindi prima cominciamo meglio è, poi ci impegniamo- io per primo- a ricostruire le ragioni dello stare insieme”. Tra l’altro, dice infine Emiliano, “il congresso si deve fare non solo per la tragedia politica del referendum, ma perché siamo anche alla fine del mandato del segretario”.

EMILIANO: GENTILONI NON SARA’ MAI ZERBINO DI RENZI

Gentiloni è e sarà leale con Renzi? Il governatore della Puglia, Michele Emiliano non ha dubbi: “Gentiloni è leale alla Repubblica- dice a ‘In 1/2Ora’- e se qualcuno pensa di andare da lui e dirgli ‘adesso devi ubbidire come uno zerbino’, si è sbagliato'”.

Lo conosco da tempo ed escludo che Gentiloni ubbidisca alle esigenze di sopravvivenza politica di Renzi, dimettendosi da presidente del Consiglio, il più alto onore che un uomo possa avere, e Gentiloni- conclude Emiliano- non violerà il giuramento con la Costituzione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»