Frase choc su stupro “brutto solo all’inizio”, mediatore culturale sospeso a Bologna

La cooperativa sociale bolognese Lai Momo ha sospeso il giovane da qualunque attività lavorativa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Abid Jee, il mediatore culturale protagonista di un commento choc sullo stupro di Rimini, è stato sospeso in via cautelativa dalla cooperativa sociale Lai Momo di Bologna per la quale lavora e che ha avviato su di lui anche una procedura disciplinare. A renderlo noto è la stessa organizzazione, in un comunicato nel quale conferma che il giovane è “un nostro dipendente, che ha collaborato occasionalmente da dicembre 2016 e, a partire dal 5 agosto 2017, è stato assunto a tempo determinato, per una sostituzione di malattia con mansioni di operatore dell’area sociale”. Il suo contratto, spiega Lai Momo, è arrivato dopo una selezione e, appunto, un “periodo di collaborazione occasionale in cui sono state verificate la correttezza e professionalità del suo operato, che ci sono state confermate oggi dai coordinatori e dai colleghi a lui più vicini, scossi e stupiti dal suo commento Fb, che mai avrebbero immaginato e dal quale, ovviamente, si dissociano completamente”.

LA COOPERATIVA LAI MOMO HA AVVIATO LA PROCEDURA DISCIPLINARE

La cooperativa sociale ci tiene a precisare che il mediatore si è espresso a titolo personale, con “affermazioni che la nostra cooperativa condanna fermamente in quanto di una gravità inaudita e profondamente contrarie ai principi e valori che sono alla base del nostro pensiero e da sempre orientano il nostro modo di lavorare”. Per questo, spiega Lai Momo, “al di là di ogni ferma condanna morale già espressa, riteniamo che questo comportamento abbia danneggiato gravemente la nostra immagine e abbiamo preso fermi provvedimenti, in base a quanto consentito dalla legge. Nel rispetto delle disposizioni vigenti e del contratto nazionale di lavoro delle cooperative sociali, abbiamo avviato oggi una procedura disciplinare e contestualmente abbiamo sospeso il dipendente in via cautelativa da ogni attività lavorativa“.

IL PROFILO FACEBOOK DEL GIOVANE SOMMERSO DI MINACCE E INSULTI

In queste ore, il profilo Facebook di Abid Jee è stato sommerso da oltre 600 commenti, per la maggior parte insulti, minacce e ‘auguri’ di morte, al punto che il giovane pare aver chiuso la pagina. Allo stesso modo, anche il profilo social di Lai-Momo, dopo il primo post in cui confermavano che il mediatore era un loro dipendente, è stato preso d’assalto da quasi 500 commenti in cui si invoca il licenziamento immediato del giovane. In tanti, però, chiedono anche sia l’espulsione del mediatore culturale sia la chiusura della stessa cooperativa sociale. Non a caso, la decisione di sospendere Abid Jee ha suscitato un altro vespaio di proteste social. “Lai-momo seleziona i propri collaboratori a partire dall’analisi dei curriculum che riceve- ci tiene a precisare la cooperativa sociale- ai quali, in caso di interesse, fa seguire la convocazione ad alcuni colloqui di valutazione, durante i quali rileva la compatibilità dell’approccio professionale del candidato all’ambito in cui dovrà operare”.

LAI MOMO: “ABBIAMO UN CODICE ETICO CHE VA CONDIVISO”

Lai Momo ci tiene a precisare che “non è consentito dalla normativa vigente in materia di riservatezza dei dati sensibili effettuare accertamenti o indagini sulle opinioni personali dei collaboratori, in fase di selezione e nel corso del rapporto di lavoro”. Nel momento in cui il candidato supera la selezione, spiega ancora la cooperativa sociale, “ha luogo la condivisione di un codice etico redatto appositamente per tutte le attività” che vengono svolto, con la firma del quale “si richiede al candidato la corrispondenza a un codice di comportamento ispirato ai valori e ai principi che sono alla base dell’operato della coop”, precisa Lai Momo.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Frase choc su stupro Rimini, “brutto solo all’inizio”. Comune Bologna: “Cacciare quel mediatore”

Rimini, M5s: “Stupro colpa di immigrati, sono un problema di sicurezza”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»