hamburger menu

Manfredi: “Riapre ai cittadini il molo San Vincenzo, intervento completato in due anni”

Firmato oggi un protocollo d'intesa tra ministero della Difesa, Comune di Napoli, agenzia del Demanio e Autorità di sistema portuale del mar Tirreno centrale

28-07-2022 17:16
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

NAPOLI – “Dal primo sabato di agosto ci saranno visite per piccoli gruppi di cittadini che in questa fase transitoria, mentre si realizzano i lavori, potranno fare delle passeggiate. Erano decenni che si stava discutendo di questo molo, finalmente in pochi mesi abbiamo fatto un grande sforzo“. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, a margine della firma tra ministero della Difesa, Comune di Napoli, agenzia del Demanio e Autorità di sistema portuale del mar Tirreno centrale, del protocollo d’intesa relativo al progetto integrato di razionalizzazione e valorizzazione funzionale del molo San Vincenzo.

“Quello di oggi – ha evidenziato il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini è un bel risultato. Un esempio virtuoso della collaborazione tra Comune, strutture militari e autorità territoriali”.

Manfredi ha poi spiegato che “con i sei milioni di euro completeremo l’accesso, che sarà dal Molosiglio, la ristrutturazione dell’eliporto, l’inizio dei lavori per la parte del molo vero e proprio. Insieme all’autorità portuale stiamo mettendo a punto un progetto e reperendo i finanziamenti, che contiamo di ottenere senza grandi problemi, per la ristrutturazione di tutto il molo e delle botteghe borboniche. L’obiettivo è fare un grande molo anche per l’attracco dei maxi yatch e creare dei luoghi di servizio e di intrattenimento per i cittadini. È chiaro che nel momento in cui si realizza una passeggiata così lunga sul mare si recuperano spazi anche per l’intrattenimento come in tutte le grandi capitali di mare – Baltimora, San Diego – in cui uno dei luoghi di maggior afflusso è il sea district“.

L’obiettivo temporale per il completamento di tutto l’intervento “è – ha sottolineato il sindaco – due anni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-28T17:16:52+02:00