Papa Francesco: “Pasqua insanguinata da esecrabile attentato”

Durante il Regina Coeli il Pontefice ricorda le vittime dell'attentato a Lahore, in Pakistan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

papa_francesco_angelusROMA -“Ieri nel Pakistan centrale la Santa Pasqua e’ stata insanguinata da un esecrabile attentato che ha fatto strage di persone innocenti, per la maggior parte famiglie della minoranza cristiana, donne e bambini, raccolte in un parco pubblico per trascorrere nella gioia la festivita’”. Lo dice Papa Francesco nel corso del Regina Coeli in piazza San Pietro.

“Desidero manifestare la mia vicinanza a quanti sono stati colpiti da questo crimine vile e insensato. E invito a pregare il Signore per le numerose vittime e i loro cari”.

“Faccio appello alle autorita civili e a tutte le componenti sociali di quella nazione perche’ compiano ogni sforzo per ridare sicurezza e serenita’ alla popolazione e in particolare alle minoranze religiose piu’ vulnerabili”.

“Ripeto ancora una volta- aggiunge il Papa- che la violenza e l’odio omicida conducono solamente al dolore e alla distruzione. Rispetto e fraternita’ sono l’unica via per giungere alla pace. Si fermino le mani dei violenti che seminano terrore e morte” affiche’ “nel mondo possano regnare l’amore, la giustizie e la riconciliazione. Preghiamo tutti per i morti di questo attentato, per i familiari e le minoranze cristiane ed etniche“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»