Monitor Italia, il sondaggio: Coronavirus? Gli italiani temono di più il rischio economico

Sondaggio realizzato da Agenzia Dire con Istituto Tecné. I connazionali si sentono più al sicuro qui che all'estero, fiducia nel sistema sanitario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Gli italiani sono decisamente preoccupati per l’emergenza coronavirus. Ma nei loro timori le conseguenze economiche occupano un posto altrettanto rilevante dei rischi sanitari. Lo evidenzia il sondaggio Monitor Italia realizzato dall’Istituto Tecne’ in collaborazione con l’agenzia Dire con interviste effettuate il 27-28 febbraio. Giudizi decisamente positivi per la gestione dell’emergenza sanitaria. Gli italiani non sono soddisfatti invece del modo in cui si sta gestendo il rischio economico.

A proposito della comunicazione sul coronavirus pareri equanimi: chi ritiene che la comunicazione sia stata eccessivamente allarmistica e’ appena il 3% in più di chi ritiene che l’allarme sia stato motivato. Nonostante i timori, la stragrande maggioranza degli italiani si sente piu’ sicura qui che all’estero. Merito di un sistema sanitario migliore.

In termini generali e’ molto (22%) o abbastanza preoccupato (54%) per l’emergenza coronavirus il 76 per cento degli italiani. Poco preoccupato il 16%, per nulla preoccupato il 6%. Il 42% si dice preoccupato sia dalle conseguenze economiche che dai rischi sanitari. Il 32%, invece, teme soprattutto il rischio economico mentre il 18% lo e’ per le conseguenze sul piano medico per se’ o per i familiari.

La gestione dell’emergenza sanitaria e’ giudicata positivamente dal 76% degli italiani mentre esprime un giudizio negativo il 22%. Giudizi in prevalenza negativi (53%) invece per la gestione del rischio economico, a fronte di un 29% che si dichiara soddisfatto.

Quasi meta’ del campione (46%) ritiene che la comunicazione sull’emergenza rifletta un allarme motivato, mentre per il 49% si e’ assecondato un eccessivo allarmismo.

Nonostante i timori, l’81% degli italiani si sente al sicuro in Italia perche’ il Paese ha la sanita’ migliore e i controlli sono piu’ accurati. Solo l’11% si sentirebbe piu’ al sicuro all’estero, dove ci sono meno casi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»