L’intervista a Davide Faraone dalla “Leopolda siciliana” (VIDEO)

"Due giorni spettacolari". Davide Faraone vede la sua creatura andare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

foto faraone“Due giorni spettacolari”. Davide Faraone vede la sua creatura andare avanti senza sosta, in un confronto continuo tra cittadini e istituzioni, tra interventi ad oltranza dal palco, e tavoli tematici. La Leopolda sicula procede piena di energia, nonostante le polemiche che l’hanno preceduta. E l’esponente del Pd ne va fiero: “Le polemiche non le ascoltiamo, abbiamo costruito la condizione affiche’ il Pd sia un partito aperto ai cittadini. E’ innegabile che il Pd che si presenta oggi e’ un Pd profondamente diverso rispetto al passato. E se qualcuno decide di aderire a questo Pd e’ perche’ il Pd e’ cambiato. Qui decidiamo un programma di cambiamento e di governo per l’Italia, c’e’ chi cerca di fare le cose governando e chi invece puo’ fare le manifestazioni e non proporre nulla per ‘Italia”.

“Il Pd e’ stato per molti anni un partito chiuso, respingente, da quando Renzi e’ segretario e’ cambiata la natura del partito e i cittadini se ne sono accorti. Ci chiedono di partecipare e di aderire, anche in questa due-giorni spettacolare di confronto tra cittadini e istituzioni. Abbiamo costruito un legame tra persone che normalmente non si parlano, credo che sia un modello e un’esperienza da ripetere”, conclude Faraone.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»