hamburger menu

Spopolano i tamponi fai da te. Dove acquistarli in sicurezza?

I test rapidi fai da te sono economici, facili da utilizzare e, pur presentando dei limiti, possono essere molto utili. Ecco dove acquistarli senza correre rischi

28/01/2022
tampone coronavirus

Solo qualche settimana fa, effettuare un semplice tampone, poteva essere un’impresa impossibile. Le farmacie erano prese d’assalto e la diffusione della variante Omicron faceva segnare ogni giorno nuovi record di positivi.

Oggi il picco della quarta ondata, secondo gli esperti, è alle nostre spalle e le lunghe file all’esterno delle farmacie sembrano un lontano ricordo, anche se i contagi continuano a essere tanti, così come la richiesta di tamponi presso i centri convenzionati. Per chi non ne ha bisogno per ottenere il green pass ma volesse semplicemente vivere con maggiore serenità gli impegni quotidiani, sono sul mercato da qualche mese dei tamponi rapidi fai da te, che permettono di effettuare un’autodiagnosi comodamente a casa propria.

I test fai da te possono essere acquistati online, in farmacia o nei supermercati e, utilizzati nel modo giusto, possono essere un utile strumento di auto-testing. Funzionano allo stesso modo dei test antigenici effettuati in farmacia, attraverso la ricerca degli antigeni, le proteine virali che identificano il virus Sars-Cov2, nel naso o nella faringe. Ma perché acquistare i test fai da te online?

I tamponi rapidi casalinghi sono disponibili online a prezzi molto più bassi rispetto a quelli delle farmacie. È possibile acquistarli nelle migliori farmacie online e su altri siti e-commerce, ricevendoli a casa anche in uno o due giorni e in tutta sicurezza, senza dover fare file o entrare in contatto con altre persone. Oltre a consentire un notevole risparmio, può essere molto utile avere dei Covid kit a casa, visto che durante l’inverno è molto semplice prendersi un raffreddore. In questi casi, avere a portata di mano il test, permette di sapere in un quarto d’ora se si tratta effettivamente di un semplice malanno di stagione o c’è bisogno di recarsi nei centri convenzionati per confermare un’eventuale positività al Covid. 

È bene ricordare che i test casalinghi non hanno alcun valore ai fini dell’uscita dalla quarantena o dall’isolamento, nemmeno a seguito delle nuove regole introdotte con il recente decreto Covid del 7 gennaio 2022. Chi ha avuto contatti con positivi o vuole certificare la propria guarigione, può ottenere nuovamente il green pass soltanto sottoponendosi al test “ufficiale”.

Fa eccezione l’Emilia Romagna, dove è stata avviata una sperimentazione che riguarda proprio l’autodiagnosi. Nella regione, al momento, i vaccinati con tre dosi asintomatici possono attivare online l’autoisolamento con un test antigenico rapido fai da te, dopo aver avvisato il medico e caricato il risultato sul proprio fascicolo sanitario elettronico. L’esperimento sta dando ottimi risultati e altre regioni potrebbero seguire presto l’esempio dell’Emilia Romagna. Un’ulteriore testimonianza dell’affidabilità dei test rapidi fai da te, strumenti certificati dalla presenza del marchio CE e riconosciuti dalle autorità sanitarie.

Attenzione però a pensare che questi kit siano infallibili. Come tutti i test hanno un margine di errore, che può essere ridotto non facendone un uso improprio. Ad esempio, il tampone fai da te non va usato quando si è asintomatici. Se viene fatto troppo presto, infatti, si rischia di avere un falso negativo: il virus diventa rilevabile dal test antigenico solo dalle 72 ore in poi. Un risultato negativo del tampone rapido effettuato troppo presto non esclude, quindi, la possibilità di aver contatto l’infezione: in questi casi, la negatività dovrebbe essere sempre confermata sottoponendosi a tampone molecolare.

Il kit per il tampone rapido è un efficace strumento che va utilizzato alla comparsa dei primi sintomi ma, è utile ribadire che, in caso di positività, bisogna consultare immediatamente il proprio medico di base e seguire le sue indicazioni.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-28T14:35:01+02:00