Covid, Lopalco: “Contagi ripartiti con la riapertura delle scuole”

"Terrei ancora la didattica a distanza. Ma dietro questa scelta ci sono anche valutazioni politiche da fare" ha spiegato l'assessore alla Sanità della Regione Puglia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Finora abbiamo dei dati di fatto che ci dicono che il contagio è ripartito da quando si sono riaperte le scuole ed è ripartito in maniera sproporzionata nella fascia di età scolare: ossia chi andava a scuola si è contagiato di più rispetto ad altre fasce di età“. Lo ha detto l’epidemiologo e assessore alla Sanità della Regione Puglia Pier Luigi Lopalco nel corso del talk conclusivo della tre giorni di ‘Aspettando la notte’ organizzato dall’Università di Foggia.

LOPALCO: “CONTINUARE CON LA DIDATTICA A DISTANZA”

“Accanto a questa osservazione abbiamo anche assistito all’evidenza che la seconda ondata di coronavirus e’ stata sostenuta principalmente da focolai famigliari – ha continuato – Sono ancora una volta convinto che la scuola sia un aggregatore sociale troppo importante in tempi di pandemia”. “Con questo non vogliamo dire che i contagi avvengono in aula ma possono avvenire fuori dai cancelli, sull’autobus, al bar, quando i ragazzi si riuniscono a fare i compiti”, ha spiegato e ha concluso: “Ecco perché terrei ancora la didattica a distanza come standard e la didattica in presenza solo come estrema ratio per le famiglie che non possono permettersi di tenere i bambini in casa. Ma è chiaro che dietro questa scelta ci sono anche valutazioni politiche da fare”.

LEGGI ANCHE: Scuola, De Luca: “Mi auguro si decida per la riapertura il 9 gennaio”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»