Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Polemiche sulla Messa della Vigilia, Salvini: “Far nascere Gesù bambino due ore prima? Non rubate il Natale ai bambini”

Fa discutere la proposta del ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, di anticipare la celebrazione liturgica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Anticipare la Messa della Vigilia di Natale di due ore? La proposta del ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, crea polemiche. Ieri nel corso del vertice con le Regioni e gli enti locali, Boccia ha dichiarato: “Seguire la Messa, e lo dico da cattolico, due ore prima o far nascere Gesù bambino due ore prima, non e’ eresia. Eresia è non accorgersi dei malati, delle difficolta’ dei medici, della gente che soffre. Questa e’ eresia, non facciamo i sepolcri imbiancati. Papa Francesco ha dato un esempio bellissimo a tutti nella scorsa Pasqua, a partire dalla Via Crucis. Il Natale non si fa con il cronometro ma e’ un atto di fede”.

LEGGI ANCHE: Covid, Zampa: “A Natale resterà sicuramente il coprifuoco alle 22”

Nuovo Dpcm, Regioni: “No a riapertura delle scuole a dicembre”. Piste da sci restano chiuse e possibile Messa di Natale due ore prima

Covid, la commissione Ue: “Sulle piste da sci decidono gli Stati”

“A me non sembra normale che un ministro della repubblica, che si dovrebbe occupare delle emergenze, proponga una nascita anticipata di Gesù bambino- il commento secco a Rainews 24 del leader della Lega, Matteo Salvini. Non rubassero il Natale ai bambini. Lasciate loro i sogni. Un ministro che dice questo manca di rispetto a un Paese legato profondamente ai simboli cattolici. Si occupasse delle regioni. Alcuni ministri neanche a Monopoli potrebbero competere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»