Lo psicologo: “Greta? Porta la rabbia dei giovani su uno scopo sano”

La protesta dei giovani assume un obiettivo più alto, "che ci riguarda tutti". Il commento di Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell'età evolutiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Greta permette di convogliare la rabbia dei ragazzi verso un bene positivo, la tutela dell’ambiente, e non verso una violenza diretta contro loro stessi. Il fatto che vi siano delle Grete che portino avanti sani obiettivi sta incanalando positivamente l’energia, anche aggressiva, dei più giovani“. È il commento di Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva, sulla calorosa partecipazione degli studenti italiani al terzo sciopero di Fridays for future in 180 piazze italiane.

LEGGI ANCHE: Ironia su Greta per la sua sindrome? “Parla a politici psicopatici…”

“Adesso hanno un nemico comune- sottolinea lo psicologo- e bisogna avere un nemico su cui scaricare la rabbia. Il nemico oggi è chi va contro un buon ambiente. Greta incarna, quindi, un ideale che dà un obiettivo a tutti, perché quando i giovani scendono in piazza per il clima lo fanno per uno scopo più alto: non protestano contro il politico di turno o contro ciò che manca nella scuola, ma per qualcosa che riguarda tutti. Gli adulti non possono più dire che sono ragazzate– conclude Castelbianco- gli adolescenti di tutto il mondo rivendicano il diritto di non ereditare una terra inquinata, e hanno ragione”.

LEGGI ANCHE: Migliaia in piazza per il clima, cortei in tutta Italia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»