Governo, Salvini: “Non evoco la piazza, ma aumenta il disgusto per Pd-M5S”

Il leader della Lega: "Siamo certi che Mattarella non permetterà questo mercimonio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Mi stanno chiamando una marea di persone che hanno capito perché come Lega abbiamo detto stop” al governo con il M5S. Noi “ci siamo messi in discussione” e “abbiamo messo nelle mani del popolo italiano e non dei giocatori di palazzo il nostro mandato, il nostro presente e il nostro futuro. Quindi, adesso contiamo su di voi. Questo non è un appello alla piazza, ci mancherebbe altro. Certo, basta leggere i commenti su tutti i siti, tutti i giornali, tutti i social: sta aumentando il disgusto ed e’ comprensibile”. Matteo Salvini lo dice in una diretta Facebook.

GOVERNO. SALVINI RILANCIA ANCORA: TAGLIO PARLAMENTARI E MANOVRA

“Taglio dei parlamentari, manovra coraggiosa e poi al voto. Noi ci siamo”. Così Matteo Salvini in diretta Facebook si rivolge ancora al Movimento 5 stelle.

“Per settimane i 5 Stelle ci hanno sfidato sul votare il taglio dei parlamentari, ci siamo anche per farlo domani. Si può fare, e’ un segnale di serieta’ e di rispetto del contratto di governo e di un’altra promessa mantenuta. Poi bisogna preparare una manovra economica importante che tagli le tasse”, sottolinea.

GOVERNO. SALVINI: MATTARELLA NON PERMETTERA’ QUESTO MERCIMONIO

“Abbiamo la certezza- continua Salvini- che il presidente della Repubblica non permetterà questo mercimonio ancora a lungo”. Pd e M5s “non trovano l’accordo sulle poltrone, altro che prima Repubblica, di più. Sembra di essere tornati ai tempi di De Mita e Fanfani”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»