hamburger menu

Gas, Cingolani: “Dalla metà del 2024 saremo indipendenti dalla Russia”

Il ministro della Transizione energetica, Roberto Cingolani, fa il punto sulla situazione energetica italiana: "La nostra condizione è solida"

cingolani
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Gli stoccaggi del gas sono ad oggi al 7,7%, in forte recupero. L’indipendenza dal gas russo sarà possibile a partire dalla metà del 2024, sommando un po’ di risparmio con le misure di diversificazione”. A fare il punto sulla situazione energetica italiana è il ministro della Transizione energetica, Roberto Cingolani, nel corso di una conferenza stampa.

CINGOLANI: SUPERIAMO INVERNO ANCHE SE RUSSIA TAGLIA FORNITURE

“Nell’ipotesi di forniture interrotte dalla Russia, a inizio inverno- afferma Cingolani- ci basterebbe lo stoccaggio fino a febbraio, a marzo servirebbero alcune manovre, poi ad aprile avremmo superato l’inverno. Questo calcolo non tiene conto dei 4 miliardi in arrivo dall’Algeria nel 2022”.

Tra i temi toccati dal ministro anche quello sulla sicurezza nazionale che, dice, “passa per Piombino perché ci saranno 5 miliardi di metri cubi di Gnl da rigassificare, se non lo facciamo sarà emergenza energetica. Il messaggio al mio successore è non perdere d’occhio questo elemento”.

CIRCA 7 MLD M3 GAS IN ARRIVO NEL 2021

In quanto a disponibilità di energia, “la nostra condizione è solida, non prevediamo misure contenimento soprattutto al livello industriale”, afferma Cingolani. Il ministro, parlando del piano di risparmio energetico, afferma anche che è “assolutamente sostenibile, non ci saranno misure draconiane”.m”Per il prossimo inverno sono in arrivo circa 7 miliardi di metri cubi di gas in più grazie ai nuovi contratti di fornitura. L’anno successivo dovrebbero essere 16 – 17″.

“Possiamo contingentare i consumi di gas con misure molto lievi sulla residenzialità. Se noi accorciassimo di 25 giorni il periodo di riscaldamento e abbassassimo la temperature di 1 grado, avremmo un risparmio di 2,5 di metri cubi di gas”, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-28T20:12:33+02:00