Europee, il sindaco Magid Magid: “Bye bye brexit, volo a Bruxelles”

Un rifugiato somalo all'europarlamento, nonostante Nigel Farage
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Prima rifugiato somalo, poi sindaco anti-Trump e adesso, ancora ventinovenne, europarlamentare dell'”onda verde”: e’ la parabola di Magid Magid, che dopo Mogadiscio e lo Yorkshire, con buona pace di Nigel Farage e del suo Brexit Party, si prepara a volare a Bruxelles.

“L’onda verde ha spazzato l’Europa e per la prima volta e’ arrivata pure sulle spiagge dello Yorkshire” ha scritto questa notte Magid su Twitter: “Il nostro e’ solo l’inizio”.
Gia’ sindaco piu’ giovane d’Inghilterra, un Paese che lo accolse profugo quando aveva appena quattro anni, Magid si e’ fatto sempre notare per lo stile esuberante.

Nel 2018 era finito sulle pagine dei quotidiani internazionali “vietando” la sua citta’, Sheffield, a Donald Trump. In testa un sombrero in segno di solidarieta’ con il Messico e i migranti respinti alla frontiera Usa, aveva definito il presidente americano “un rifiuto umano”.

Oggi, invece, e’ tutta festa. In Gran Bretagna il suo Green Party e’ finito quarto, superando l’11 per cento e pure i conservatori di Theresa May. Magid allora promette: “A Bruxelles non sara’ un sogno di mezza estate, cambieremo la storia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»