Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni Europee, nel Lazio la Lega è prima con il 32,6%

voto_referendum
M5s perde oltre 100.000 preferenze rispetto a regionali 2018, Fdi supera Fi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel Lazio come in Italia, la Lega mette tutti in fila e si attesta al 32,6%, una percentuale simile a quella nazionale (34,3%). Ma quello che sorprende del dato regionale, se confrontato con le elezioni che il 4 marzo 2018 decretarono l’elezione a governatore dell’attuale segretario del Pd, Nicola Zingaretti, è che il partito di Matteo Salvini in poco più di un anno ha più che triplicato i suoi consensi: da 252.772 a 793.888.

Certo, questi numeri vanno tarati anche sulla base di una partecipazione al voto decisamente minore rispetto alle ultime regionali (53,3% contro il 66,5%, ovvero 2.493.000 cittadini che sono andati alle urne contro i 3.181.000 circa delle ultime regionali), tuttavia quasi 550mila voti in più testimoniano di uno stravolgimento avvenuto soprattutto a danno di due forze: Forza Italia e Movimento 5 Stelle.

Il partito di Berlusconi, nel confronto con 14 mesi fa, nel Lazio ha perso oltre la metà dei voti, passando dai 371.155 del marzo 2018 ai 164.749 attuali (6,78%). Un crollo accompagnato dal contemporaneo sorpasso di Fratelli d’Italia, che (col 9% dei consensi) è diventato il secondo partito del centrodestra, nonostante la leggera flessione come voti assoluti, da 220.460 a 218.875.

Ancora più pesante, se vista in termini percentuali, la caduta del Movimento 5 Stelle che, da primo partito della regione (22,06%), si ritrova terzo (17,9%), con un’emorragia di oltre 120mila voti, da 559.752 a 436.102. Cresce, seppur di poco, il Pd, che ha guadagnato quasi 40mila voti (da 539.131 a 578.253) ed è il secondo partito regionale (23,79%, contro il 21,25% del 4 marzo 2018).

Restando sempre nel campo del centrosinistra, in aumento anche +Europa (74.275 voti contro i 52.451 delle regionali) e i Verdi, che con la lista Europa Verde hanno totalizzato 46.434 preferenze, quasi il doppio rispetto alle 28.443 della lista Italia Europa Insieme delle regionali. Una parte di questi voti è arrivata da chi un anno fa sostenne Leu, mentre un’altra ha preso la strada della lista La Sinistra, che ha raccolto il 2,12% (51.632 consensi). Infine, passando all’estrema destra, ha perso più di due terzi dei voti Casapound: crollato da 42.609 voti a 12.511 (0,51%).

Analizzando il voto nelle province, dal punto di vista percentuale, la Lega (prima in tutte le cinque macroaree) ha fatto registrare affermazioni ben oltre la media regionale in quasi tutte le macroaree (41,4% nella Tuscia, 41% in Sabina e Ciociaria e 38,9% nell’area Pontina), tranne che nella provincia di Roma, dove però, a dispetto di una percentuale molto bassa (29,5%), il dato assoluto è il più consistente (soprattutto per l’alto numero di votanti): 509.605 preferenze. Passando al Pd, è finito dietro al M5S nelle province di Latina e Frosinone.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»