E’ botta e risposta tra Salvini e Merola, il sindaco: “Io non vieto nulla”

"È Salvini che si deve assumere le sue responsabilità", replica al leader del Carroccio che stamani aveva attaccato: "Non può vietarmi nulla"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
V. Merola
V. Merola

BOLOGNA – “Io non vieto nulla. È Salvini che si deve assumere le sue responsabilità“. Va avanti il botta e risposta tra il sindaco di Bologna, Virginio Merola, e il leader leghista, che ieri ha annunciato di voler chiudere la campagna elettorale il prossimo 2 giugno con un comizio in piazza Verdi. Un appuntamento ad alto tasso di rischio, visto che i collettivi si sono già detti pronti a sbarrare la strada al segretario del Carroccio nel cuore della zona universitaria.

Ieri Merola ha accusato Salvini di voler cercare lo scontro a tutti i costi e lo ha invitato a cambiare posto. Questa mattina Salvini è tornato all’attacco, dicendo che il sindaco non può vietargli nulla. Secca la controreplica di Merola, questa mattina durante il suo tour elettorale per le strade del quartiere Savena. “Ho detto il contrario, io non vieto proprio nulla– afferma il sindaco parlando alla ‘Dire’- è Salvini che si deve assumere le sue responsabilità”.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»