Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riforme, Boschi: “Con il referendum sarà battaglia sulla vita del governo”

ROMA - "E' difficile immaginare di tenere distinta la
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

boschi

ROMA – “E’ difficile immaginare di tenere distinta la valutazione della maggioranza e del governo” da quella della riforma costituzionale nel referendum di ottobre: “Non sarebbe serio non tenere conto di quello che ci diranno i cittadini sulla nostra idea cambiamento, su un governo che ha fatto di queste riforme un tratto caratterizzante della sua azione”. Lo dice il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, durante un convegno al Centro studi americano di via Caetani.

“Sara’ una battaglia dura nei prossimi mesi, ma non violenta”, aggiunge, tra chi vorra’ “augurare o meno lunga vita all’azione riformatrice del governo”. Boschi ricorda che la maggioranza ha “fortemente voluto questo referendum sin dall’inizio: e’ una scelta che rivendichiamo, nonostante ci siano delle perplessita’ sul fatto che sia la stessa maggioranza a farsi promotrice del referendum”. Poi, osserva: “Noi facciamo le riforme non perche’ ce lo chiede qualcuno da fuori”, ma al tempo stesso, ammette, “gli investitori stranieri sono molto interessati a sapere se cambiera’ o meno il titolo V della Costituzione”. Infine, conclude: “Mi auguro che il voto sia favorevole alle riforme costituzionali e si scelga il cambiamento, una maggior modernita’, sia una scelta di voltare pagina”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»