Lavoratori in nero, Di Battista Senior: “Non si deve fare ma… Scusami Ale”

ROMA - "Ringrazio Alessandro per le sue parole. Lo ringrazio per la sua sincerità, per la sua onestà, per il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ringrazio Alessandro per le sue parole. Lo ringrazio per la sua sincerità, per la sua onestà, per il suo rigore e per l’affetto che traspare dal suo messaggio. Lo ringrazio e confermo. Confermo quanto ho detto all’inviato delle Iene. Negli ultimi tempi mi sono dovuto avvalere di un collaboratore in ‘nero’. Saltuariamente e per qualche manciata di ore di lavoro ma comunque in ‘nero'”. Lo scrive su facebook Vittorio Di Battista, papa’ di Alessandro ex parlamentare M5s.

LEGGI ANCHE Di Battista: “Nell’azienda di mio padre c’è un lavoratore in nero, mi sono arrabbiato”

“Non si deve fare ma, a volte, le circostanze ti ci costringono- aggiunge- Non si deve fare ma, a volte, a doverlo fare sono decine e decine di migliaia di micro imprenditori, di artigiani e di piccoli commercianti. Non si deve fare ma, a volte, tante volte, l’alternativa è la cessazione di una attività. Non si deve fare e non lo rifarei, in primo luogo, per non arrecare un danno ingiusto ad Alessandro ed a tutto quello che lo contraddistingue ed in cui crede. Non si deve fare come tante altre cose nella vita. Scusami, Ale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»