Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Patti educativi territoriali: il contributo delle piccole scuole e dei piccoli musei

piccole scuole indire
Il 28 maggio convegno online
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Venerdì 28 maggio si svolge online il convegno “Patti educativi territoriali: il contributo delle piccole scuole e dei piccoli musei“, promosso dall’Associazione Nazionale Piccoli Musei in collaborazione con l’Indire e il movimento delle Piccole Scuole.

L’evento sarà incentrato sull’importanza che ricoprono le alleanze educative tra le istituzioni scolastiche, le organizzazioni e gli Enti locali per il rilancio dei territori marginali. Stipulare patti educativi significa cogliere le opportunità intrinseche dell’ambiente in cui si opera e aprire la scuola al territorio creando nuove occasioni di formazione. Al convegno prenderanno parte alcuni rappresentanti istituzionali della zona Empolese-Valdelsa per presentare esperienze realizzate sui propri territori e a seguire interverranno le ricercatrici Indire Giuseppina Rita Jose Mangione e Francesca De Santis per parlare della collaborazione tra il movimento delle Piccole Scuole e l’Associazione Nazionale Piccoli Musei.

La seconda parte dell’evento sarà incentrata sulle collaborazioni attivate dall’APM con alcune scuole italiane e sul ruolo che i piccoli musei possono ricoprire nei percorsi educativi.

Il convegno avrà inizio alle ore 9:50. Non è richiesta iscrizione.

PARTECIPA AL CONVEGNO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»