fbpx

Tg Cultura del 26 marzo 2020

Edizione del 26 marzo 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’ITALIA CELEBRA IL SOMMO POETA, IN DIGITALE IL PRIMO DANTEDÌ

Un viaggio virtuale nei sotterranei degli Uffizi frequentati da Dante, la collezione online delle opere legate al Sommo Poeta e custodite al Museo e Real Bosco di Capodimonte, le stampe inedite della Divina Commedia pubblicate sul web dall’Istituto centrale per il Catalogo. E poi decine di letture in rete tratte da Inferno, Purgatorio e Paradiso e i tanti politici, scrittori, attori e cantautrici che hanno voluto contribuire alla prima edizione – tutta digitale – del Dantedì, la giornata dedicata a Dante voluta e istituita dal ministero per i Beni e le Attivita’ culturali e per il Turismo. “Oggi più che mai è necessario ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con una lettura individuale e al contempo corale della sua opera”, ha detto il ministro Dario Franceschini.

A MASSENZIO NEL 2021 IL FESTIVAL ‘LE PAROLE DI DANTE’

Si chiama ‘Le parole di Dante. Temi persone luoghi della divina commedia’ il Festival dedicato ai settecento anni dalla morte del Sommo poeta che avrà luogo nella Basilica di Massenzio, a Roma, nell’estate del 2021. Dieci serate che proporranno l’ascolto e la riflessione su altrettanti temi cari a Dante. Ogni appuntamento presenterà letture di testi dell’opera dantesca e di inediti ispirati dalle sue parole. Il tutto, accompagnato da esecuzioni musicali dal vivo e un significativo apparato iconografico che illustrerà le differenti tematiche. A curare l’appuntamento sarà Maria Ida Gaeta. “Dante riassume in sé l’idea di classico. La mia idea e’ di rendergli omaggio testimoniando la sua attualità attraverso la voce di grandi scrittori italiani e stranieri”.

LE SCUDERIE DEL QUIRINALE SVELANO ONLINE LA MOSTRA SU RAFFAELLO

Le Scuderie del Quirinale svelano la mostra evento ‘Raffaello 1520-1483’ e presentano il video-racconto dell’esposizione, disponibile da oggi sul sito internet e sugli account social dello spazio espositivo. La visita virtuale accompagnerà i partecipanti in una passeggiata tra le sale, custodi di oltre 200 capolavori provenienti da tutto il mondo. Un modo per consentire al pubblico di ammirare, anche a distanza, lo splendore dell’arte di Raffaello e la grandiosità del progetto espositivo, nell’intento di condividere cultura e bellezza con il maggior numero possibile di persone.

‘PRIMA E DOPO IL VIRUS’, IL CINEMA ITALIANO SI RACCONTA IN RETE

Da Carlo Verdone a Liliana Cavani, da Daniele Luchetti a Francesca Cima. E poi Cristina Donadio, Sara Serraiocco, Francesca Archibugi e Paola Cortellesi. Sono alcuni dei protagonisti di ‘Prima e dopo il Virus: parla il cinema italiano’, la nuova iniziativa realizzata dalla Fondazione Cinema per Roma e curata da Mario Sesti, che raccoglie in video le testimonianze di autori, produttori e attori ai tempi del Covid-19. Durante le videointerviste, saranno loro a consigliare al pubblico film, serie, libri, esperienze, discutendo i modi in cui l’epidemia influenzerà e modificherà i racconti del cinema e, infine, immaginando le prime cose da fare non appena si potrà tornare alla vita di tutti i giorni. Già in rete la clip di Carlo Verdone, condivisa sul sito www.romacinemafest.org e sui canali social della Fondazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»