Terra dei Fuochi, sotto sequestro vaste aree e tre attività commerciali

Un'operazione di controllo straordinario interforze contro lo smaltimento illecito e i roghi di rifiuti è stata effettuata ieri nel quartiere napoletano di San Giovanni Barra e a Portico di Caserta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Gestione e smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti delle lavorazioni sono i reati contestati al termine di un’operazione di controllo straordinario interforze contro lo smaltimento illecito e i roghi di rifiuti industriali, artigianali e commerciali effettuata ieri nel quartiere napoletano di San Giovanni Barra e a Portico di Caserta. Ieri – con il coordinamento della prefettura di Napoli con la prefettura di Caserta, le due questure e con le altre Forze di Polizia delle provincie, in base alla programmazione proposta dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania nell’ambito della Cabina di regia Terra dei Fuochi – sono entrati in azione 27 equipaggi per un totale di 67 unità interforze, nelle località e nei siti in cui abitualmente vengono abbandonati e quindi conferiti in modo illecito i rifiuti sul territorio, controllando 9 attività imprenditoriali e commerciali, di cui 3 sequestrate, 72 persone identificate, di cui 4 denunciate tra lavoratori irregolari rei di illeciti ambientali e 6 sanzionate, 60 veicoli controllati, 3 sanzionati e 2 sequestrati, circa 2.026 mq di aree sequestrate, oltre 36.749,67 euro di sanzioni comminate.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»