Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Movimenti occupano a via Montecatini: stop alla guerra ai poveri

"Caro Prefetto, se non si tratta di fare gli interessi dei privati, come a Roma sempre si è fatto, allora ora le case devono andare all’emergenza abitativa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

movimenti_casa

ROMA – “Da giorni, a Roma, una grande attenzione si concentra sul tema del patrimonio pubblico e della sua mala – gestione: stando alle cronache, arrivato il Prefetto Tronca alla giuda della Capitale, i riflettori sembrano finalmente accesi ed il problema avviato alla soluzione finale. Ma chi e cosa intende in realtà colpire il Prefetto Tronca? Qual è la soluzione da lui prospettata? Come intende gestire questo importante patrimonio?”. Comincia così un comunicato dei Movimenti per il diritto all’abitare, che annunciano una nuova occupazione in via Montecatini a Roma. “Questo non viene detto- scrivono- e la narrazione confusa che emerge dalle dichiarazioni e dalle cronache, sembra accreditare l’idea che il patrimonio pubblico nel suo complesso sia un peso da rimuovere ed allo stesso tempo che la legalità sia un valore in se da affermare anche a scapito della giustizia sociale. Ma è chiaro che un conto è colpire ‘gli amici degli amici’ che hanno preso (anche legalmente), possesso di un prezioso patrimonio quando potrebbero, con redditi alti, tranquillamente camminare con le loro gambe. Ben altro conto è accanirsi contro chi è illegale per necessità, perché massacrato dalle politiche di austerità, perché non arriva alla fine del mese ed è escluso da un mercato della casa dai prezzi gonfiati e irraggiungibili. Sorge il dubbio, quindi, che dietro questa operazione, oltre al conseguimento di un facile consenso mediatico, ci possano essere forti interessi economici legati alla messa a reddito o alla vendita del patrimonio capitolino”.

“Colpire, quindi, non per risarcire la città, soprattutto quella più sofferente, dai torti e dalle ingiustizie subite negli anni, ma all’opposto per regalare ancora una volta ciò che dovrebbe essere di tutti, ciò che potrebbe dare risposte importanti a pochi “fortunati”, passando magari dai furbetti ai furboni, o magari semplicemente fare cassa per tirare avanti ancora qualche mese. In questo contesto l’’iniziativa messa in campo oggi dai movimenti per il diritto all’abitare, dimostra ancora una volta l’incredibile stato di incuria e abbandono, lo spreco nella mala gestione del patrimonio pubblico di Roma Capitale. Rivendica la necessità immediata di recuperare tale patrimonio per dare risposte ai problemi reali, quotidiani, drammatici della nostra città: emergenza abitativa, spazi scolastici, servizi, cultura. Oggi, con l’occupazione del palazzo di via Montecatini lanciamo al Commissario Tronca un messaggio chiaro: Caro Prefetto, se non si tratta di fare gli interessi dei privati, come a Roma sempre si è fatto, allora ora le case devono andare all’emergenza abitativa!! Inoltre diciamo no alla vendita del patrimonio pubblico, alle privatizzazioni, all’aumento delle rette degli asili, all’aggressione alle realtà di base e ai movimenti!! Fermiamo la guerra ai poveri, moratoria giubilare degli sfratti e degli sgomberi”, concludono i Movimenti per il diritto all’abitare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»