Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fico sul reddito di cittadinanza: “Misura non va toccata ma siamo aperti a modifiche”

"La riforma delle pensioni? Guardi agli interessi di tutti". È l'auspicio del presidente della Camera Roberto Fico, intervenuto a margine di una visita al teatro Nest di Napoli Est
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Il reddito di cittadinanza, soprattutto nella pandemia, è stato una misura fondamentale che non va toccata. Se poi si vuole migliorare laddove è stata meno efficace assolutamente va bene, siamo aperti, ma il reddito non va toccato”. Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico a margine di una vista al teatro Nest di San Giovanni a Teduccio, a Napoli. La terza carica dello Stato auspica che ci sia “addirittura una crescita” delle risorse sul reddito.

“RIFORMA DELLE PENSIONI? GUARDI AGLI INTERESSI DI TUTTI

“La riforma delle pensioni? Guardi agli interessi di tutti”. È l’auspicio del presidente della Camera Roberto Fico, intervenuto a margine di una visita al teatro Nest di Napoli Est. “Il dibattito sulle pensioni si svilupperà nel governo e in parlamento – ha sottolineato -. Una riforma delle pensioni penso che debba fare i conti con un equilibrio di giustizia sociale e generazionale rispetto anche al mondo del lavoro che sarà. Tenendo insieme tutti quanti i fattori, si possono fare buone riforme delle pensioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»