Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Sono esterrefatto, da prete spero no cristiani in barricate a Goro”

"La 'giungla' di Calais, il suo sgombero e il muro che si sta costruendo" dovrebbero essere "un monito per tutti", dice il responsabile del Coordinamento nazionale comunità di accoglienza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

migrantiROMA – “I ‘respingimenti’ di Gorino e Goro lasciano esterrefatti”, dichiara oggi don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca), a proposito delle barricate della popolazione di Gorino, in provincia di Ferrara, per impedire l’accoglienza di 12 donne profughe. “Confermano un dato che è sempre più evidente: l’ordinarietà, la ‘normalità’ della xenofobia nel nostro Paese- afferma don Zappolini-. Nei due paesini del ferrarese si è arrivati alla rivolta, con tanto di barricate, per non accogliere un piccolo gruppo di donne e bambini che difficilmente avrebbero messo in crisi la vita delle due collettività. È il segno che, in una parte consistente della popolazione, il rifiuto dell’altro, tanto più se debole, è ormai un riflesso condizionato, che prescinde da ogni considerazione razionale oltre che etica’”. Prosegue don Zappolini: “Non v’è dubbio che, per arrivare a questo punto, abbiano giocato un ruolo essenziale forze politiche e organi di stampa che hanno puntato massicciamente sulle paure e i risentimenti delle persone. Tuttavia, dobbiamo anche riconoscere che stenta a svilupparsi in Italia e in tutta Europa una visione alternativa, rispettosa dell’umanità e dei diritti delle persone migranti, che sia in grado di contrastare derive assai pericolose per la stessa democrazia”.

La “‘giungla’ di Calais, il suo sgombero e il muro che si sta costruendo, stanno lì a dimostrarlo come un monito per tutti coloro che hanno a cuore una pacifica convivenza”. Come presidente del Cnca, conclude, “mi domando come si fa a rifiutare mamme e figli e poi chiedere allo Stato, giustamente, un aiuto per le famiglie e i minori, per i quali non esistono tuttora politiche e stanziamenti adeguati. Come prete, mi auguro davvero che tra coloro che hanno manifestato a Gorino e Goro non vi siano cristiani: avrebbero smarrito del tutto il senso più profondo del Vangelo’.

(www.agensir.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»