Torna il Teatro Tram di Napoli con spettacoli innovativi e posti dimezzati

La stagione 2020/2021 del Tram riparte venerdì 16 ottobre con lo spettacolo 'Primo sangue' di Mirko Di Martino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Riparte il Teatro Tram di Napoli dopo lo stop imposto dall’emergenza Coronavirus. La nuova stagione, al via dal 16 ottobre e con posti a sedere dimezzati a causa delle misure anti-contagio, è pronta a regalare al pubblico la prima sessione di spettacoli previsti fino a dicembre.

“Non è stata una scelta facile – spiega il direttore artistico Mirko Di Martino – ma i piccoli teatri come il nostro hanno un valore sociale importantissimo per la comunità in cui risiedono: non sono solo un contenitore di spettacoli, sono un luogo di incontro, di scambio, di creazione”. Sua la firma della prima produzione inedita del Tram in programma venerdì 16 ottobre. ‘Primo sangue’, di Mirko Di Martino appunto, con Orazio Cerino e Errico Liguori nel ruolo di due fratelli impegnati in una sfida di scherma, sport e vita, trasformerà il teatro in una sala d’arme con il pubblico disposto lungo i due lati della pedana.

Giovedi’ 29 ottobre toccherà poi alla neonata Compagnia Under30 del Tram, costituitasi poco prima del lockdown, portare in scena il loro primo lavoro, ‘Misura per Misura’, tratto da Shakespeare con l’adattamento e la regia di Diego Maht. Ad interpretarlo tutti attori giovanissimi: Giuseppe Di Gennaro, Germana di Marino, Marcello Gravina e Vincenzo Coppola.

Dal 12 al 22 novembre sarà la volta di ‘Naked. Il locale delle nude verità’, diretto da Vittorio Passaro, la cui peculiarità risiede nel particolare modo attraverso cui il pubblico assisterà allo spettacolo: dietro ad vetro e rinchiuso in delle cabine.

Per il quarto appuntamento previsto il 26 novembre, il Teatro Tram darà ancora una volta spazio al Festival Vissidarte che si aprirà con ‘Nella bottega di Caravaggio’, il nuovo spettacolo di Peppe Celentano. Ad accompagnarlo sulla scena anche Gabriella Cerino, Gennaro Monti, Sonia De Rosa, Alfredo Amundo, Priscilla Avolio e con la partecipazione di Massimo Masiello. Il secondo spettacolo di Vissidarte sara’ invece dedicato alla figura di Amedeo Modigliani e si tratta di un monologo, scritto e diretto da Antonello Cossia, che era già programmato nella scorsa stagione poi interrotta a causa della pandemia da Covid-19.

A chiudere questa prima parte della stagione 2020/21 del Tram a partire dal 10 dicembre ci penserà un altro spettacolo rimasto in sospeso: la ‘Venere Tascabile’ di Carmen Pommella, dedicata a Laura Betti con la regia di Antonio D’Avino.

Una scelta coraggiosa quella del Tram che, nonostante le numerose difficolta’ legate alla realta’ che si ritrovano a vivere i piccoli teatri e alle inevitabili limitazioni che hanno portato gli spettatori ammessi in sala ad essere solo 30 per volta, non ha rinunciato a riaprire i suoi spazi mettendoli a disposizione di giovani compagnie e offrendo a tutti gli appassionati di teatro e di scrittura spettacoli sempre innovativi e ricercati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»