Africa libera dalla polio, l’annuncio storico dell’Oms

Piu' del 95 per cento della popolazione del continente e' stata vaccinata. Di Brando Ricci
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’Africa e’ ufficialmente libera dalla poliomelite, la malattia virale e infettiva che colpisce il sistema nervoso centrale e che negli ultimi 25 anni ha provocato migliaia di casi di paralisi e deformazioni tra i bambini del continente.

A certificare l’eradicazione dal ceppo definito “wild” della patologia, quello cioe’ che non e’ risultato di un effetto secondario del vaccino, l’organismo indipendente a cui l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) ha affidato nel 1998 il compito di supervisionare e verificare i lavori di eradicazione della malattia nei diversi Paesi africani. Secondo l’Africa Regional Certification Commission (Arcc), questo il nome dell’ente, adesso piu’ del 95 per cento della popolazione del continente e’ stata vaccinata, una delle condizioni richiesta dall’Arcc.

Gli ultimi Paesi a essere dichiarati “polio-free”, lo scorso 19 giugno, erano stati la Nigeria e il Camerun. Entrambe le nazioni avevano condotto una campagna di vaccinazione su larga scale e non avevano piu’ rilevato casi per un lasso di tempo di tre anni, come richiesto dall’Arcc.

Soddisfazione da parte del direttore generale dell’Oms, l’etiope Tedros Adhanom Ghebreyesus. “E’ una grande giornata per i miei fratelli e le mie sorelle africane” ha scritto su Twitter il direttore generale, che ha aggiunto: “Questo e’ uno dei piu’ grandi risultati della salute pubblica, che dimostra che con la scienza e la solidarieta’ possiamo sconfiggere i virus e salvare vite umane”.

Nel mondo restano due i Paesi dove la malattia non e’ stata ancora debellata: Pakistan e Afghanistan.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»