Terremoto, Clemente (Enea): “70% costruito senza requisiti antisismici”

"Fino al terremoto dell'Irpinia solo il 25% del territorio nazionale era classificato sismico". Poi la conoscenza della materia si è molto evoluta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

terremoto_amatrice_casaROMA  – “In Italia la classificazione sismica si è evoluta molto lentamente. Fino al terremoto dell’Irpinia solo il 25% del territorio nazionale era classificato sismico. Oggi circa il 70% del costruito non risponde ai requisiti attuali“. A dirlo è Paolo Clemente, ingegnere civile e responsabile del Laboratorio Prevenzione Rischi Naturali e Mitigazioni Effetti dell’Enea, ospite di Agorà Estate su RaiTre.

LEGGI ANCHE
 Trema l’Italia centrale, decine di vittime tra Lazio e Marche
24 agosto
Esperti Toscana: “Come L’Aquila, stessa intensità sisma 2009”
Geologi: “In Italia almeno 24 mln vivono in aree ad elevato rischio sismico”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»