Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

25 aprile, Draghi: “Non fummo tutti ‘brava gente’, non scegliere è immorale”

mario_draghi
Nel corso della visita al Museo della Liberazione di via Tasso il Premier cita la senatrice a vita Liliana Segre: 'È facile, più facile, far finta di niente'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del Consiglio Mario Draghi, nel corso della visita al Museo della Liberazione di via Tasso (“una visita molto commovente che rivela la sofferenza di un popolo inerme, senza libertà e senza cibo“), cita la senatrice a vita Liliana Segre, che “ha voluto che la scritta ‘indifferenza’ fosse messa all’ingresso del memoriale della Shoah di Milano, per ricordarci che insieme ai partigiani e ai combattenti per la libertà, vi furono molti che si voltarono dall’altra parte, in cui, come dice lei, ‘è facile, più facile, far finta di niente“.

Draghi aggiunge che “nell’onorare la memoria di chi lottò per la libertà dobbiamo anche ricordarci che non fummo tutti, noi italiani, ‘brava gente’“. Dobbiamo anche ricordare, aggiunge, “che non scegliere è immorale, significa far morire un’altra volta chi mostrò coraggio davanti agli occupanti e ai loro alleati, e sacrificò sé stesso per consentirci di vivere in un paese democratico”.

LINGUAGGIO D’ODIO È MALA PIANTA, NON VA TOLLERATO

“Il linguaggio d’odio che sfocia spesso nel razzismo e nell’antisemitismo contiene spesso i germi di potenziali azioni violente. Non va tollerato”. A dirlo è il presidente del consiglio Mario Draghi nel corso della visita al Museo Storico della Liberazione. Il linguaggio d’odio “è una mala pianta che genera consenso per chi calpesta libertà e diritti, quasi fosse un vendicatore di torti subiti. Ma diffonde soprattutto il veleno dell’indifferenza e dell’apatia”.

LA RICONCILIAZIONE È NELLA RICOSTRUZIONE DEL PRESENTE

“È nella ricostruzione del presente, di un presente in cui il ricordo serve a dirci quel che non vogliamo ripetere, che avviene la riconciliazione”, dice il presidente del consiglio Mario Draghi.
È la ricostruzione basata sulla fratellanza, sulla solidarietà, sull’amore, sulla giustizia che porta alla riconciliazione“, aggiunge il premier.

Riferendosi all’edificio di via Tasso, Draghi aggiunge che “queste stanze che un tempo videro orrori da domani vedranno visitatori – speriamo anche molti giovani visitatori – che vogliono conoscere la storia d’Italia. È per questo che sono molto contento di celebrare con voi la Festa della Liberazione in un luogo simbolo, sì del periodo più nero vissuto dalla nostra capitale, ma anche simbolo oggi della rinascita dell’Italia intera”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»