25 aprile, Tronca a via Tasso: “Roma è e deve restare Città Aperta”

La Capitale deve restare " libera dalla Mafia e da ogni forma di illegalità che voglia anche solo affievolire il suo grido immortale di libertà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Tronca a via Tasso

ROMA  –  Il commissario straordinario di Roma Francesco Paolo Tronca si è recato stamani in via Tasso, sede del famigerato carcere nazista, in mano ai tedeschi diretti da Kappler dal 1943 fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

“Oggi non posso non ripensare a ‘Roma città aperta’, il capolavoro di Rossellini girato in parte non lontano da qui. Le strade della città che sto attraversando oggi ci parlano ancora di quei giorni. I muri, incisi o scritti dai detenuti di Via Tasso ci raccontano delle speranze, delle virtù di un’umanità che alla fine vince sempre. Una storia che ha trovato eterna attualità nei principi fissati dalla nostra Costituzione e attraverso essa si fa futuro”,ha detto Tronca. “Penso agli uomini che hanno respirato in queste stanze- aggiunge-, alle tante donne disperate ma non vinte mentre i propri cari venivano uccisi o scomparivano nel nulla. Penso ai bambini di allora, costretti a non giocare ma poi cresciuti in tempi di pace. Oggi è questo, la pace, il dono più grande che possiamo offrire alle nuove generazioni. Roma è e deve restare Città Aperta, libera dalla Mafia e da ogni forma di illegalità che voglia anche solo affievolire il suo grido immortale di libertà”.

Oggi via Tasso è sede del Museo storico della Liberazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»