Lopalco: “In Puglia tutti gli over 80 vaccinati entro marzo”

Lopalco_vaccino
Sono 170.000 i cittadini ultra80enni che si sono prenotati e ogni giorno in circa 150 ambulatori e centri vaccinali di tutta la Puglia proseguono le somministrazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “I cittadini pugliesi over 80 che si sono prenotati, saranno tutti vaccinati contro il covid 19 entro marzo 2021″. Lo comunica l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, che precisa come “le forniture dei vaccini siano a carico del governo centrale e che eventuali sensibili variazioni al ribasso delle consegne potranno far variare il cronoprogramma”. Sono 170.000 i cittadini ultra80enni che si sono prenotati sulle varie piattaforme Cup, Farmacup e sito web e ogni giorno in circa 150 ambulatori e centri vaccinali di tutta la Puglia, numero che si amplia ogni giorno a seconda delle disponibilità sul territorio, proseguono le somministrazioni. Nei primi tre giorni sono stati 15mila i pugliesi over 80 che hanno ricevuto la prima dose di vaccino.

Si tratta di uno sforzo mai messo in campo prima d’ora, per la difficile conservazione, manipolazione e preparazione dei vaccini a disposizione per quella fascia di età – precisa Lopalco – ogni paragone con le vaccinazioni per le epidemie degli anni ’70 è improprio per la differenza dei sieri a disposizione, per qualità e quantità, oltre che per le differenze regolamentari che impongono il consenso informato e la anamnesi medica prima delle somministrazioni e il periodo di osservazione dopo che la Regione Puglia, al pari delle altre regioni, sta affrontando anche grazie al lavoro dei medici e degli operatori sanitari e alla pazienza degli anziani e dei loro parenti che ogni giorno sono in attesa del vaccino”. “Il problema è tuttavia un altro: entro marzo in Puglia è previsto l’arrivo, in varie tranche, di sole 400mila dosi dei tre vaccini anti covid a disposizione: un numero esiguo, che potrebbe anche calare a discrezione delle aziende fornitrici, che deve far riflettere sulla necessità a livello globale di aumentare i sieri a disposizione. Il nodo è tutto lì: i vaccini sono pochi e la richiesta è elevata. È un nodo gordiano da sciogliere ed è – conclude l’assessore – il vero tappo che mina la fiducia nel sistema”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»