Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rimini piccola Las vegas: per il gioco si spendono 400 euro per abitante

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print RIMINI - Ma quanto spendono i riminesi nelle sale slot.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI – Ma quanto spendono i riminesi nelle sale slot. La provincia è infatti terza in regione, e 22esima in Italia, 398 euro per ognuno di loro nel 2017, per un totale di quasi 60 milioni di gettito per l’Erario. Solo Modena e Piacenza spendono di più in Emilia-Romagna. Il Comune di Rimini intanto ha già realizzato la mappatura dei luoghi sensibili e delle aree di rispetto entro cui non è possibile la presenza di sale gioco o di corner con apparecchi per il gioco d’azzardo, come da legge regionale.

LEGGI ANCHE: Gioco, ecco gli occhiali per capire chi è patologico

Mentre dall’1 gennaio 2020 entrerà in vigore l’obbligo di inserimento della tessera sanitaria, sulla scorta di quanto già accade per i distributori automatici di sigarette, per ridurre l’accesso dei minorenni ai giochi di azzardo. I numeri, commenta l’assessore alle Attività produttive Jamil Sadegholvaad, “confermano la notevole portata del gioco a Rimini. Un fenomeno che da anni stiamo monitorando e seguendo per potenziarne il contrasto, sopratutto per quanto riguarda i pericoli per la salute derivanti da dipendenze come la ludopatia”. Tra queste il marchio “slot-free” per le attività che scelgono di non tenere alcun apparecchio per il gioco, il divieto di pubblicità su aree pubbliche e la mappa dei luoghi sensibili.

“Intervenire in queste zone di sicurezza- conclude- non significa certo eliminare il problema, ma sarebbe comunque un passo in avanti molto importante, sia a livello pratico e tecnico, che su quello culturale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»