Aborto, Pisani: “Ignobile attacco di Adinolfi contro tutte le donne”

di Maria Cristina Pisani - portavoce Psi ROMA - "Credo nella libertà di stampa, ma non posso tacere davanti ad un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Maria Cristina Pisani – portavoce Psi

ROMA – “Credo nella libertà di stampa, ma non posso tacere davanti ad un articolo che descrive l’aborto come una pratica assassina con una terminologia abominevole, non solo per coloro alle quali quel lessico è rivolto, ma per i suoi stessi lettori”. Sono queste le parole di Maria Cristina Pisani, portavoce del Psi, rivolte al direttore Mario Adinolfi del quotidiano ‘La Croce’, in una lettera aperta a lui indirizzata, a seguito della polemica sorta sulle assunzioni da parte del presidente della Regione Lazio Zingaretti, .

“Cosa crede di insegnare a una giovane donna che legge parole come ‘frantumare il cranio con le pinze’, ‘risucchiare il corpo ridotto a brandelli da un aspiratore’? – sottolinea Pisani – Non ci può essere nessuna volontà di riproporre scontri ideologici su temi così delicati. L’aborto è un diritto che va garantito. Quello che pretendo è il rispetto delle opinioni altrui, il rispetto delle libertà conquistate da ciascuna di noi. Quello che pretendo è che mai più a una donna venga associata un’immagine con la scritta ‘Uccideresti tuo figlio?’. Quello che pretendo – conclude la portavoce del Psi – è che contro nessuna donna venga utilizzato un linguaggio violento come quello che è stato rivolto a me. Mai più”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»