Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Spiagge, Uras: “La Ue ci danneggia”. Appello a Delrio

CAGLIARI - "Sarebbe una ulteriore intollerabile discriminazione in ambito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

spiagge calabresiCAGLIARI – “Sarebbe una ulteriore intollerabile discriminazione in ambito Europeo dell’Italia, e soprattutto un gravissimo danno per l’economia del Mezzogiorno e delle Isole, Sardegna in particolare, la possibilità che la Corte di Giustizia Europea intervenga a impedire la proroga delle concessioni balneari ad uso turistico ricreativo previste fino al 2020″. Lo afferma il senatore Luciano Uras, Gruppo misto- Sel, che ha presentato un’interrogazione urgente con risposta scritta al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti: “Il settore turistico nazionale poggia parte importante delle proprie attività in relazione alla presenza e buona gestione di stabilimenti e aziende balneari, anche di piccola e micro dimensione, che integrano e valorizzano l’offerta turistico-ricettiva italiana, e in particolare quella del Mezzogiorno e delle Isole, Sardegna e Sicilia soprattutto, qualificandola come tra le più competitive. Sono circa 28.000 le concessioni per finalità turistico-ricreative che di norma utilizzano strutture ‘amovibili’ e circa 1.000 con strutture ‘inamovibili’ di proprietà dello Stato”. “L’Italia, con i suoi 7.458 chilometri di costa, di cui 3.500 circa tra Sicilia e Sardegna (comprese le relative isole minori)- dice Uras- nel nostro Paese il demanio marittimo in regime di concessione rappresenta una rilevantissima risorsa economica, e una necessaria base di attività d’impresa eco-sostenibile e di lavoro ai fini di buona occupazione”.

balneari“La notizia che in sede Comunitaria si stia disponendo, su iniziativa dell’Avvocato generale della Corte di Giustizia europea, in quanto contraria al diritto dell’Ue la soppressione delle norme in materia di proroga delle concessioni demaniali, che prevedono in Italia la scadenza al prossimo 2020 getta una pesante preoccupazione su tutti gli operatori”, il senatore Luciano Uras, Gruppo misto- Sel. “Dica, urgentemente, il ministro delle Infrastrutture e trasporti: 1) se tale notizia corrisponde al vero; 2) se il Governo intende intervenire con immediatezza perché sia scongiurata ogni modifica riduttiva dei periodi di concessione demaniale marittima previsti fino al dicembre del 2020, data sulla quale sono stati, in via generale, anche calcolati i periodi minimi necessari per l’ammortamento dei costi di investimento effettuati per stabilimenti e aziende, dai titolari di concessione. Infine- conclude Uras- si verifichi se corrisponde al vero che in altri Paesi membri dell’Unione siano in vigore normative estensive dei periodi di proroga delle concessioni esistenti e di riserva della possibilità di concorrere molto più vantaggiose per concessionari e imprese turistico-ricreative nazionali (Ley del Costas, Spagna – 75 anni di proroga)”.

di Andrea Piana, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»