Disabilità. Assessore Santoro premia tesi su diritti e integrazione

TRIESTE - E' stato consegnato stamani, a Trieste, dall'assessore regionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
santoroTRIESTE – E’ stato consegnato stamani, a Trieste, dall’assessore regionale alle Infrastrutture del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro, il riconoscimento riservato alle tesi di laurea sulle politiche e sugli interventi riguardanti i diritti e l’integrazione delle persone disabili. Il premio, rivolto agli studenti dei corsi di laurea del Dipartimento di Studi umanistici  dell’Università degli studi di Trieste e consistente in un assegno di mille euro, è stato conferito a Giovanni De Sario, il quale ha partecipato al bando con un testo dedicato alle “Buone prassi per l’inserimento lavorativo di un adulto con disabilità intellettiva”.
Portando il saluto della presidente della Regione Debora Serracchiani, l’assessore Santoro ha riconosciuto alla tesi vincitrice il merito di aver affrontato il tema della disabilità intellettiva – che rappresenta quasi l’80 per cento delle disabilità totali – e di come le istituzioni debbano superare il concetto che esistano solo i deficit di tipo motorio o sensoriale. “Andiamo verso una società – ha affermato l’assessore Santoro – in cui l’innalzamento dell’et` media ci porrà sempre più a contatto con questo tipo di problema. Per questo stiamo ragionando su delle case Ater opportunamente adeguate: perchi anche dall’edilizia pur partire un cambiamento culturale”.
L’idea di un alloggio che sia a dimensione di tutti – ha spiegato l’assessore – non significa che debba essere dotato esclusivamente di supporti per la mobilità fisica, ma che sia progettato per approcciarsi in termini ‘amichevoli’ verso ogni tipo di utente: in questa prospettiva  h necessario ampliare la riflessione alle disabilità intellettive e cognitive, perchè in questo campo non bisogna accontentarsi mai dei risultati raggiunti”.
Il presidente della Consulta regionale delle associazioni delle persone disabili, Vincenzo Zoccano, nel ringraziare oltre la Regione, anche l’Università di Trieste e la Banca di Cividale, partner dell’iniziativa, ha rimarcato di come la tesi vincitrice contribuisca a far vedere i disabili “non come dei malati, ma come delle persone con delle potenzialità declinabili nelle professioni”. Nel suo intervento Zoccano ha altresì riconosciuto che il Friuli Venezia Giulia, da un punto di vista dell’inserimento delle persone disabili nel mondo del lavoro, è sensibilmente più all’avanguardia rispetto alle altre regioni.
In proposito il vicepresidente della Consulta, Mario Brancati, ha ricordato come, grazie all’ultima legge regionale sulla casa, “si favorisca concretamente l’inclusione delle persone con disabilità intellettiva”.
La tesi di Giovanni De Sario premiata dalla commissione giudicatrice, composta congiuntamente da rappresentanti della Consulta e dell’Università di Trieste, è improntata sul tema del lavoro: in particolare viene affrontato l’inserimento occupazionale di un adulto con disabilità intellettiva, indicando buone prassi che possono facilitare questo tipo di percorso.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»