A teatro con MThI: “Erinnerungen. Memorie di vite fantastiche”

Libero adattamento delle "Memorie" del drammaturgo tedesco Richard Voß, che a Villa Falconieri trascorse 25 anni della sua vita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nell’ambito della rassegna “Dimore Sonore. Di Villa in Villa”, promossa dall’IRVIT-Istituto Regionale delle Ville Tuscolane, domenica 27 settembre 2020 la MThI (Music Theatre International) presenta a Villa Falconieri lo spettacolo #Erinnerungen. Memorie di vite fantastiche, ispirato alla vita dello scrittore e drammaturgo Tedesco Richard Voß che nella villa a Frascati abitò per 25 anni. Lo spettacolo, presentato in forma di reading con musica dal vivo, è un libero adattamento dalle memorie di Richard Voß Da una vita fantastica. Memorie, nella traduzione di Agnese Nobiloni Toschi, per l’edizione dell’Accademia Vivarum Novum, 2019. Interpreti gli attori Tomaso Thellung de Courtelary nel ruolo di Richard Voß e Diana Forlani, nel ruolo di Melanie Voß; il compositore e chitarrista Michele Di Filippo, arricchisce la performance con l’esecuzione di musiche di M. Castelnuovo Tedesco, J.K.Mertz e proprie composizioni. La performance sarà preceduta da La casa splendente e il giardino delle meraviglie, passeggiata nel parco accompagnata dai Volontari del Club di Territorio di Roma – TCI e da una visita guidata al piano nobile della Villa. Evento ad ingresso libero con obbligo di prenotazione.

Locandina MTHI

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»