“Dialogo nell’Agroalimentare”, la presentazione martedì al Festival dello Sviluppo Sostenibile

ENEA, FIDAF e Rete del Festival Cerealia insieme il 6 ottobre, in un evento online, per creare futuri migliori e trovare soluzioni condivise
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Martedì 6 ottobre 2020 l’ENEA, la FIDAF e la Rete del Festival Cerealia presentano, in un incontro online, il volume “Dialogo nell’Agroalimentare” un Osservatorio per individuare in modo condiviso problematiche, attori, possibili soluzioni e prospettive di collaborazione per creare futuri migliori. L’evento è inserito nel Festival dello Sviluppo Sostenibile e del Festival Cerealia 2020, premiato con la medaglia del Presidente della Repubblica.

In apertura del programma gli interventi di Massimo Iannetta Responsabile Divisione Biotecnologie e Agroindustria ENEA e Paola Sarcina Direttore Cerealia Festival. Il panel include: Daniele Rossi Chairman Ricerca e Sviluppo COPA COGECA, Carlo Hausmann Direttore Generale AGRO Camera, Angelo Riccaboni Presidente Fondazione PRIMA, Paola Carrabba,Studi Analisi e Valutazioni ENEA, Andrea Sonnino Presidente FIDAF. Facilitatore della discussione Massimo Curatella designer- facilitator e trainer.

L’Osservatorio sul Dialogo nel Sistema Agroalimentare ha cercato possibili soluzioni alle difficoltà di dialogo emerse negli ultimi anni tra attori del sistema agroalimentare e mondo della ricerca scientifica, attraverso incontri condotti con approccio partecipativo che hanno permesso di giungere alla stesura di un manifesto e alla individuazione di una serie di obiettivi ed azioni condivise, pensate per la sostenibilità del sistema agroalimentare. La ampia e diversificata partecipazione di portatori di interesse ha reso il percorso molto ricco in termini di confronto, costruzione del consenso, chiarificazione dei termini del problema, individuazione di possibili soluzioni. La pubblicazione documenta in modo fedele il percorso e i risultati ottenuti dall’Osservatorio. La metodologia partecipativa utilizzata consente una riflessione sui possibili percorsi da seguire per l’accettabilità sociale dei risultati della ricerca, testimoniando di come il dialogo sia un requisito essenziale per il funzionamento della società in generale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»