Sit-in per il ripristino della tratta ferroviaria Trapani-Palermo

"Chiusa per uno smottamento dal 2013 si attende da un anno che venga ripristinata" ha dichiarato l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Sit-in di protesta alla ex stazione di Segesta per chiedere il ripristino della tratta ferroviaria che, ‘via Milo’, collega Palermo con Trapani. La tratta è chiusa per uno smottamento dal 2013 e la manifestazione di oggi, promossa dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, vede presenti anche diversi sindaci del Trapanese e rappresentanti sindacali per chiedere una accelerazione dell’iter autorizzativo dei lavori di ripristino: “Un anno fa abbiamo inviato al ministero dell’Ambiente il progetto da 144 milioni di euro e ancora attendiamo il parere di non assoggettabilità – ha affermato Falcone -, senza il quale non possiamo mandare l’opera in gara”. La tratta ‘via Milo’ della Palermo-Trapani è lunga 47 chilometri e da quando è stata interrotta i pendolari che viaggiano tra le due città sono costretti a utilizzare il percorso ‘via Castelvetrano’, che tocca anche le città di Mazara del Vallo e Marsala allungando il percorso e i tempi di percorrenza.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»