Conte: “Contro l’evasione fiscale una svolta radicale e un patto con gli italiani onesti”

Da New York il premier annuncia alla stampa un piano contro l'evasione: "Bisogna intervenire radicalmente come mai fatto in passato"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non vi annuncio ancora nulla perche’ ci stiamo lavorando, non ci sono misure definite, stiamo facendo le simulazioni”. Lo dice il premier Giuseppe Conte a New York, sul tema dell’evasione fiscale.

Conte spiega di aver maturato “una convinzione profonda”, che poi è “il nostro vero problema endemico: l’evasione”. Quindi “paghiamo tutti di piu’ perche’ molti non pagano e maggiore è l’iniquità”.

Ecco perche’ “mi sto convincendo che bisogna intervenire radicalmente come mai fatto in passato” e su questo “stiamo pensando “a un provvedimento complessivo”.

Ma “questo significa che se riterremo una misura del genere percorribile io chiederò un patto con tutti gli italiani onesti, chiederò loro di accettare quella che potra’ sembrare una misura nuova, di accettare questa sorpresa. Se vogliamo operare una svolta radicale non possiamo introdurre delle misure palliative”. Poi puntualizza: “Per ora vi ho annunciato soltanto una convinzione”.

Sul clima, aggiunge Conte, “dobbiamo cambiare un paradigma culturale, inserire nella nostra costituzione la tutela dell’ambiente, della biodiversità e dello sviluppo sostenibile”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»