Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Auguri a Will Smith, il ‘Principe di Bel Air’ oggi compie 50 anni

Da Philadelphia a Hollywood ecco la sua storia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa è la maxi storia di come” un comune ragazzo di Philadelphia diventa uno degli attori più famosi di Hollywood.  E’ la storia di Will Smith, attore e cantante di successo che oggi, 25 settembre, spegne 50 candeline. Eccentrico, disinibito e dotato di un’innata verve comica, con il suo carisma e la sua naturale capacità di intrattenere il pubblico Will Smith è riuscito a costruire una carriera solida e a conquistare il consenso di un pubblico fedele.

Il suo ingresso nel mondo dello spettacolo avviene in giovane età, quando, appena adolescente, incontra DJ Jazzy Jeff, con il quale fonderà il gruppo rap DJ Jazzy Jeff & The Fresh Prince. Con lui incide l’album “Rock the house” che si rivela un grandissimo successo, rendendolo ad appena 18 anni molto ricco. Problemi con le tasse lo porteranno presto a sperperare però il suo patrimonio, e molto probabilmente per questa ragione, il giovane Smith si affaccerà al mondo della recitazione, accettando il ruolo di protagonista nella sit-com “Il principe di Bel-Air”.

Scelta più che azzeccata: il telefilm si rivela un grande successo e nei panni di un giovane squattrinato di Philadelphia che si ritrova a vivere nella lussuosa villa dello zio a Los Angeles, Smith conquista una grande popolarità sia in America che all’estero. Inizia così a muovere i passi nel mondo del cinema, prendendo parte a “I dannati di Hollywood” (1992), “Made in America” (1993) e “Sei gradi di separazione” (1993). E’ però grazie a blockbuster come “Bad Boys” e “Man in black” che Smith conquista un posto tra le star di Hollywood. Non rinuncia comunque alla musica, firmando la colonna sonora di molti suoi film come appunto “Man in Black” e “Wild Wild West”. Quest’ultimo si rivelerà essere uno dei suoi più grandi flop, dal quale però riuscirà a riprendersi accettando un ruolo impegnato, quello di Muhammad Ali nel film Alì di Micheal Mann, che gli varrà la candidatura all’Oscar e ai Gloden Globe.

Sfiora per la seconda volta il riconoscimento più ambito del cinema nel 2006 grazie alla pellicola diretta da Gabriele Muccino “Alla ricerca della felicità”, nel quale interpreta un padre in crisi che cerca di ricostruire la propria vita. E’ l’occasione giusta per lanciare nel mondo del cinema suo figlio, ancora bambino, Jaden Smith, e l’attore decide di coglierla. Il risultato è buono: il pubblico apprezza la storia e l’interpretazione di entrambi. Non si può dire lo stesso per “After Earth”, film fantascientifico del 2013 che vede protagonista Smith Junior mentre Will prova a rimanere nell’ombra.

 Negli ultimi anni Will Smith ha vestito il ruolo del supercriminale Deadshot in “Suicide Squad” e del poliziotto (in coppia con un elfo) nel film Netflix “Bright”. Ora lo aspettiamo nel terzo capitolo di “Bad Boys” dove tornerà a recitare al fianco di Martin Lawrence.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»